carne-coltivata-nutrizionista-enrico-veronese

Una polpetta gigante di carne coltivata con il DNA di un mammut lanoso, estinto 4 mila anni fa, è stata presentata al Nemo, un museo scientifico dei Paesi Bassi.

Il progetto mira a dimostrare il potenziale della carne coltivata da cellule, senza la macellazione degli animali, e ad evidenziare il legame tra la produzione di bestiame su larga scala e la distruzione della fauna selvatica e la crisi climatica.

La polpetta di mammut è stata prodotta da Vow, un’azienda australiana, che sta adottando un approccio diverso alla carne sintetica.

carne-a-base-cellulare-mammut-vow
Vow ha creato la polpetta di mammut per dimostrare il potenziale della carne cresciuta dalle cellule, senza la macellazione degli animali. Fonte immagine: forgedbyvow.com

Ci sono decine di aziende che lavorano su sostituti della carne convenzionale, come pollo, maiale e manzo. Ma Vow mira a mescolare e abbinare cellule di specie non convenzionali per creare nuovi tipi di carne.

L’azienda ha già studiato il potenziale di oltre 50 specie, tra cui alpaca, bufalo, coccodrillo, canguro, pavone e diversi tipi di pesce.

La prima carne sintetica ad essere venduta ai commensali sarà la quaglia giapponese, che l’azienda prevede sarà nei ristoranti di Singapore quest’anno.

L’obiettivo è far passare qualche miliardo di consumatori di carne dal consumo di proteine ​​animali [convenzionali] al consumo di cose che possono essere prodotte in sistemi elettrificati. E crediamo che il modo migliore per farlo sia inventare la carne“, ha affermato George Peppou, CEO di Vow.

Tim Noakesmith, che ha co-fondato Vow con Peppou, ha dichiarato: “Abbiamo scelto il mammut lanoso perché è un simbolo della perdita di diversità e un simbolo del cambiamento climatico“.  Si pensa che la creatura sia stata portata all’estinzione dalla caccia degli umani e dal riscaldamento del mondo dopo l’ultima era glaciale.

L’idea iniziale è stata di Bas Korsten dell’agenzia creativa Wunderman Thompson: “Il nostro obiettivo è iniziare una conversazione su come mangiamo e su come possono essere e avere un sapore le future alternative. La carne coltivata è carne, ma non come la conosciamo”.

E voi cosa ne pensate? Vediamo nel dettaglio che cos’è la carne coltivata in laboratorio (anche detta carne sintetica), quanto è sicura e quali sono le sfide più recenti in questo campo.

Cos’è la carne coltivata in laboratorio?

Tanto per cominciare la carne sintetica non è tecnicamente vegana o vegetariana.

Coltivare carne in laboratorio è un processo diverso rispetto all’allevamento tradizionale, per non dire altro, ma la carne che si crea è biologicamente uguale alla carne “vera”.

Per produrre carne coltivata in laboratorio, gli scienziati prelevano cellule staminali, le cosiddette cellule costitutive, da un animale.

Bagnano le cellule in un liquido contenente sostanze nutritive per aiutarle a duplicarsi e le mettono in un bioreattore, un dispositivo di laboratorio per la crescita di organismi.

carne-coltivata-università-maastricht-2011
Carne coltivata nel laboratorio dell’Università di Maastricht nel 2011. Due anni dopo, gli scienziati hanno creato il primo hamburger coltivato al mondo. Fonte immagine: © Reuters – www.reuters.com

Una volta che la carne “non strutturata” si è sviluppata, il passo successivo è renderlo un prodotto a base di carne realistico. Alcuni usano “impalcature” a base di proteine ​​di soia, gelatina o altre fonti per modellare la carne coltivata in laboratorio.

A seconda del tipo di carne che veiene coltivato, questo processo dovrebbe richiedere dalle 2 alle 8 settimane.

Coltivare la carne consente lo stesso processo biologico che avviene all’interno di un animale fornendo calore e gli elementi di base necessari per costruire muscoli e grasso: acqua, proteine, carboidrati, grassi, vitamine e minerali”, ha dichiarato Maia Keerie, media e responsabile della comunicazione per il Good Food Institute, un think tank (che significa un gruppo di esperti impegnato nell’analisi e nella soluzione di problemi complessi,) senza scopo di lucro dedicato allo sviluppo di proteine ​​​​alternative.

La carne a base cellulare contiene abbastanza nutrimento?

Il valore nutrizionale della carne coltivata in laboratorio non è ancora del tutto compreso, in particolare rispetto alla carne di origine animale.

Gli esperti mettono in guardia dal mangiare troppa carne sintetica di laboratorio, poiché farlo comporta gli stessi problemi del mangiare troppa carne convenzionale, come il colesterolo alto.

(Potrebbe interessarti: 15 alimenti per abbassare il colesterolo)

Ci sono problemi di sicurezza per la carne sintetica?

Certo, mangiare carne coltivata in una vasca di acciaio inossidabile può sembrare un po’ strano.

Se sei scettico riguardo alla prospettiva della carne sintetica, non sei il solo. Alcune persone hanno persino espresso la preoccupazione che la carne di coltura cellulare possa comportare rischi imprevisti per la salute.

Il Center for Food Safety afferma che non è noto se la carne coltivata in laboratorio ponga più o meno problemi di sicurezza rispetto alla carne tradizionale. Ci sono evidenze secondo cui, poiché la carne coltivata in laboratorio non ha un sistema immunitario completamente funzionante, è a maggior rischio di contaminazione.

Tuttavia, Maia Keerie (Good Food Institute) sostiene che la carne coltivata in laboratorio potrebbe effettivamente essere superiore alla carne convenzionale per la sicurezza alimentare.

Gli antibiotici e gli agenti antimicotici non vengono utilizzati affatto durante il processo produttivo (ma possono essere utilizzati in quantità molto ridotte durante le fasi di pre-produzione).  Pertanto, la carne coltivata non contribuirà alla resistenza agli antibiotici ed è probabile che si traduca in una minore incidenza di malattie di origine alimentare“, ha affermato.

Maia Keerie ha anche sottolineato che molte delle malattie che gli esseri umani incontrano derivano da pratiche agricole problematiche. Coltivare carne in laboratorio, piuttosto che in una fattoria, potrebbe offrire una soluzione.

Per ridurre il rischio di malattie zoonotiche associate agli animali, le cellule utilizzate nella produzione di carne coltivata vengono accuratamente selezionate e confermate come assenti da agenti patogeni infettivi inclusi virus, batteri e altri microbi“, ha affermato Keerie.

Quali sono le preoccupazioni per la carne coltivata?

Mentre la carne coltivata ha un futuro promettente, ci sono preoccupazioni, tra cui:

Non è vegano. Poiché la carne coltivata in laboratorio contiene cellule animali, non è considerata vegana. E molti vegani e vegetariani sono indecisi su come accogliere questa forma di cibo.

Inoltre, molti membri delle religioni indù, musulmana ed ebraica non sono sicuri che la carne coltivata possa rispettare le leggi dietetiche delle loro fedi.

Il prezzo. Gli scienziati hanno realizzato il primo hamburger di carne coltivata nel 2012.

La creazione è costata $ 325.000. Ma con l’avanzare della tecnologia, il costo della carne coltivata dovrebbe diminuire. Un esperto ha previsto che la produzione su larga scala potrebbe portare il costo di un hamburger a circa $ 11 – ancora costoso, ma non in modo eccessivo.

La gente la comprerà? Ad alcune persone, l’idea della carne coltivata in laboratorio non sembra appetitosa.

In un test del gusto del 2013, i giornalisti hanno fornito recensioni contrastanti sul gusto degli hamburger coltivati, ma la ricerca procede a pieno ritmo e si sa l’opinione pubblica è soggetta a cambiamenti.

Perché abbiamo bisogno della carne artificiale?

La carne a base cellulare non è solo un’innovazione; è anche una soluzione cruciale per il nostro sistema alimentare globale e per il pianeta in generale.

Ecco un’istantanea di alcuni dei principali vantaggi offerti dalla carne coltivata.

Meglio per gli animali

Questo vantaggio è abbastanza chiaro ed evidente. Il processo di creazione e produzione di carne coltivata non danneggia gli animali.

carne-convenzionale-allevamento

Le cellule, che vengono estratte una sola volta da un animale donatore, possono produrre carne coltivata a tempo indeterminato. Ciò elimina la necessità di innumerevoli procedure dannose utilizzate nell’agricoltura tradizionale, per non parlare della stessa macellazione.

Libera la terra

La produzione di carne di bestiame richiede circa il 70% della terra arabile globale utilizzata per la coltivazione di mangimi per il bestiame.

La coltivazione di cellule animali può consentire la produzione di carne senza la necessità di allevare animali da allevamento, che richiedono quantità minori di risorse agricole come la terra.

La terra utilizzata per la produzione di carne può essere ridotta del 99%.

Meno consumo di acqua

Solo 1 kg di carne bovina richiede 15.415 litri di acqua fresca per produrre solo 1 kg di carne bovina. Il consumo di acqua della carne coltivata può essere ridotto dell’82%-96% a seconda del prodotto.

La produzione di carne coltivata utilizza molte meno risorse idriche rispetto alla produzione di carne convenzionale. La ricerca ha dimostrato che l’agricoltura è responsabile del 92% del nostro consumo di acqua, e questo.

Accessibilità al cibo

La nostra popolazione globale è di oltre 7 miliardi di persone, con le aspettative di superare i 9,5 miliardi entro il 2050. Ciò significa che sarà necessario produrre più cibo per sostenere le generazioni future.

Oggi le risorse naturali, come terra, acqua e bestiame, sono limitate. Gli studi dimostrano che negli anni a venire diventerà impossibile allevare abbastanza animali per sfamare l’intera popolazione.

La carne sintetica aumenterà l’accesso al cibo e, di conseguenza, può potenzialmente ridurre la fame nel mondo.

La carne coltivata utilizza una frazione delle risorse naturali utilizzate dalla carne convenzionale e non richiede l’allevamento o la macellazione degli animali perché le cellule di provenienza crescono indefinitamente. Ciò significa che la carne coltivata può nutrire indefinitamente la nostra crescente popolazione globale.

Gli esseri umani amano mangiare carne

C’è una crescente domanda di carne in tutto il mondo che non mostra alcun segno di rallentamento. Infatti, il consumo di carne in tutto il mondo è raddoppiato negli ultimi due decenni e le previsioni prevedono che la domanda di proteine ​​del bestiame aumenterà del 13% entro la fine di questo decennio.

Maggiore è la domanda, maggiore sarà la pressione che la catena di approvvigionamento dovrà sopportare per soddisfarla.

Oggi comprendiamo il valore di trovare soluzioni alternative per la carne convenzionale.

La carne coltivata fornisce un’altra opzione proteica della carne che può alleviare la pressione delle catene di approvvigionamento convenzionali utilizzando considerevolmente meno risorse naturali per produrre carne.

La carne sintetica quando sarà disponibile sul mercato?

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha dichiarato a novembre 2022 che un prodotto a base di carne coltivata – un petto di pollo coltivato dalla UPSIDE Foods con sede in California – era sicuro per il consumo umano.

UPSIDE ora spera di portare il suo prodotto nei ristoranti americani già nel 2023 e nei negozi di alimentari entro il 2028.

carne-artificiale-pollo-upside-foods-carne-laboratorio
Sandwiches di pollo fritto- Carne coltivata in laboratorio – UPSIDE Foods. Fonte immagine: upsidefoods.com

La carne coltivata è in vendita a Singapore dal 2020.

Carne coltivata in Italia: il governo si pone di traverso

In Italia, la carne coltivata potrebbe “atterrare” ancor prima di “decollare”: il governo si pone “di traverso” rispetto alla discussa questione e si accinge ad approvare una legge per vietare i cosiddetti “cibi sintetici”, prodotti in laboratorio.

Una mossa, secondo il ministro delle Politiche agricole Francesco Lollobrigida, volta a tutelare la salute degli italiani.

Pensiamo che i prodotti realizzati in laboratorio non garantiscano qualità né benessere – dice Francesco Lollobrigida – inoltre non garantiscono, diciamolo con orgoglio, la salvaguardia della nostra cultura e della nostra tradizione, visto che parte della nostra società e il nostro modello sono legati anche alla produzione enogastronomica e agricola“.

Il divieto sulla carne sintetica non vieta però l’importazione. Dunque danneggia l’Italia due volte?

In base alle regole europee sulla libera circolazione dei beni e servizi, se il commercio della carne coltivata dovesse essere approvato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare, l’Italia non potrà opporsi.

Fonti bibliografiche

theguardian.com/environment/2023/mar/28/meatball-mammoth-created-cultivated-meat-firm
www.health.com/lab-grown-meat-fda-6835173
www.webmd.com/diet/cultured-meat-what-to-know
sentientmedia.org/lab-grown-meat
www.believermeats.com/blog/5-cultured-meat-advantages
www.reuters.com/business/retail-consumer/lab-grown-meat-moves-closer-american-dinner-plates-2023-01-23
it.euronews.com/cultura/2023/03/30/italia-la-carne-coltivata-potrebbe-atterrare-ancor-prima-di-decollare-veto-del-governo
wired.it/article/carne-coltivata-in-laboratorio-divieto-governo-italia-importazione/