insonnia-in-menopausa

Soffri di insonnia in menopausa? L’insonnia si riferisce alla difficoltà ad addormentarsi o a rimanere addormentati. È un’esperienza comune in menopausa e può verificarsi a seguito di cambiamenti ormonali.

Può anche essere un risultato secondario di altri sintomi della menopausa, come le vampate di calore.

Alcuni alimenti possono aiutare le donne in post menopausa a dormire meglio.

Quanto durerà l’insonnia in menopausa?

La durata dell’insonnia durante e dopo la menopausa dipende da molti fattori. Ogni donna che attraversa questa fase ha un’esperienza diversa.

Alcune donne scoprono che i sintomi durano più a lungo rispetto ad altre.

I livelli ormonali di una persona possono iniziare a cambiare 7-10 anni prima dell’ultimo ciclo. Da questo momento, le donne possono continuare ad avere sintomi come vampate di calore per diversi anni.

I livelli di estradiolo continuano a diminuire per i primi 1-6 anni nella post menopausa precoce, il che può causare sintomi persistenti.

È da notare, tuttavia, che sono disponibili trattamenti e terapie che possono ridurre i disturbi del sonno. È anche importante affrontare qualsiasi altro fattore che potrebbe contribuire alla scarsa qualità del sonno.

Insonnia e menopausa: la dieta giusta potrebbe aiutarti a dormire meglio.

In uno studio su 77.860 donne in post menopausa, i ricercatori hanno scoperto che il consumo di cibi con un basso indice glicemico è associato a un ridotto rischio di insonnia.

Gli alimenti con un basso indice glicemico, ad esempio verdure, noci e pane integrale, contengono carboidrati che vengono assorbiti lentamente e causano aumenti più bassi e più lenti dei livelli di glucosio nel sangue e di insulina dopo essere stati consumati.

Per questo studio, nell’American Journal of Clinical Nutrition, i partecipanti hanno completato lunghi questionari su quali cibi hanno mangiato e con quale frequenza. Hanno anche segnalato il loro grado di insonnia all’inizio dello studio e dopo 3 anni di follow-up (1).

Rispetto a 1/5 dei partecipanti la cui dieta aveva l’indice glicemico più basso, quelli con il più alto avevano l’11% in più di probabilità di soffrire di insonnia.

Alcuni alimenti a basso indice glicemico, ad esempio cereali integrali e latticini, non erano associati a una riduzione dell’insonnia, ma le persone che mangiavano più frutta e verdura avevano circa il 14% in meno di probabilità di soffrire di insonnia e i maggiori consumatori di fibre avevano il 13% in meno di probabilità.

Al contrario, le donne che mangiavano i cereali più raffinati avevano un rischio di insonnia superiore del 16% rispetto a quelle che ne mangiavano di meno.

Sebbene lo studio abbia controllato molte caratteristiche di salute e comportamentali, ha mostrato solo un’associazione e non ha potuto dimostrare causa ed effetto.

“Sono necessari studi randomizzati controllati che esaminino i modelli dietetici in relazione all’insonnia per chiarire questi risultati”, scrivono gli autori.

Fonti bibliografiche:

(1) https://academic.oup.com/ajcn/article/111/2/429/5673520

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*