probiotici-e-antibiotici-nutrizionista-enrico-veronese

Secondo la ricerca ricostituire l’intestino con probiotici aiuterebbe a riequilibrare il microbioma intestinale in seguito all’uso di antibiotici.

Gli antibiotici svolgono un ruolo fondamentale nel trattamento delle infezioni, ma possono anche causare effetti collaterali sgradevoli allo stomaco e all’intestino.

Gli antibiotici svolgono un ruolo fondamentale nell’uccidere i batteri cattivi, ma poiché distruggono le infezioni, possono anche causare danni collaterali uccidendo i batteri buoni nell’intestino. Ciò potrebbe provocare diarrea dopo l’inizio del trattamento.

Hai bisogno dei benefici per la salute del trattamento antibiotico, ma non vuoi i fastidiosi effetti collaterali dello stomaco?

La risposta può essere trovata nei probiotici, che sono microrganismi vivi che migliorano la salute dell’intestino.

Continua a leggere se ti stai chiedendo qual è il modo migliore per assumere i probiotici insieme agli antibiotici.

Come funzionano gli antibiotici?

Gli antibiotici sono un tipo di farmaco che combatte le infezioni batteriche.

Funzionano in due modi: distruggendo un tipo specifico di batteri o impedendone la crescita.

batteri-intestino-probiotici-nutrizionista-enrico-veronese-nutrizionista-alba

Questi farmaci vengono solitamente assunti per via orale, ma possono anche essere utilizzati localmente per le infezioni della pelle o somministrati per via endovenosa per infezioni batteriche più gravi e sistemiche.

Poiché combattono i batteri, gli antibiotici non funzionano contro le infezioni virali.

Devono essere assunti solo quando necessario per evitare la resistenza agli antibiotici, che si verifica quando i batteri si adattano in modo da proteggerli dalla distruzione degli antibiotici.

Perché gli antibiotici danno fastidio allo stomaco?

I ricercatori hanno identificato una comunità diversificata di circa 100 trilioni di microrganismi e il loro materiale genetico che popolano il tratto gastrointestinale (1).

Questo è noto come microbioma intestinale o flora intestinale. La maggior parte di questi microrganismi sono batteri, ma includono anche funghi, virus e protozoi (un tipo di parassita) (1).

Insieme, svolgono un ruolo importante nella salute umana, influenzando molti processi corporei, tra cui la digestione, la sintesi dei nutrienti e la regolazione del metabolismo, del peso corporeo e del sistema immunitario. Riguardano anche la funzione cerebrale e l’umore (2).

Il microbioma è costituito da microbi sia benefici che dannosi. I microbi buoni lavorano in simbiosi con il corpo umano, mentre i microbi cattivi possono favorire le malattie. Di solito, i microbi buoni e cattivi che compongono il microbioma vivono in equilibrio e sono in grado di coesistere senza problemi (3).

L’uso di antibiotici modifica l’equilibrio nel microbioma intestinale, il che può comportare una diminuzione dei batteri sani e un aumento dei batteri nocivi.

L’uso degli antibiotici può avere effetti negativi sul microbioma, come una ridotta diversità delle specie e un’alterata attività metabolica. Inoltre, l’uso di antibiotici può causare complicazioni correlate agli antibiotici come nausea, diarrea e infezioni da Clostridioides difficile.

Uno studio ha rilevato che il collegamento tra antibiotici e diarrea colpisce tra il 5% e il 39% dei pazienti, a seconda dell’antibiotico assunto (4).

Clostridioides difficile è un batterio cattivo che può crescere quando gli antibiotici uccidono i batteri buoni. L’infezione da Clostridium difficile provoca diarrea cronica e anche colite.

L’infezione viene diagnosticata mediante un esame delle feci e trattato con antibiotici orali.

(Potrebbe interessarti: Infiammazione del colon: cosa mangiare per ridurre i sintomi?)

Perché assumere un probiotico durante una cura antibiotica?

Ricostituire l’intestino con probiotici aiuta a riequilibrare il microbioma intestinale in seguito all’uso di antibiotici. Sono stati riconosciuti gli effetti benefici dell’integrazione probiotica (5).

Quando vengono prescritti antibiotici, molte persone ora scelgono di integrare i loro batteri naturali con un integratore probiotico.

antibiotici-e-probiotici-nutrizionista-enrico-veronese-nutrizionista

La diarrea associata agli antibiotici (ADD) è uno degli effetti collaterali più comuni degli antibiotici, con una prevalenza compresa tra il 5 e il 35%, a seconda del tipo di antibiotico assunto (6).

Una meta-analisi di 23 studi della prestigiosa Cochrane Collaboration effettuata nel 2012 (concentrandosi sul confronto e sulla combinazione dei risultati di più studi) ha rilevato che i probiotici possono ridurre il rischio di effetti collaterali associati agli antibiotici del 64%.

Una forma particolare di AAD è l’infezione da Clostridium difficile, che si manifesta come diarrea cronica e, nei casi più gravi, colite. Ciò è particolarmente preoccupante negli anziani.

Sulla base di una revisione sistematica e di una meta-analisi di 23 studi randomizzati controllati comprendenti 4.213 pazienti, le prove suggeriscono che i probiotici sono sicuri ed efficaci nel contribuire a sostenere la salute del microbioma intestinale e nel ridurre i disturbi digestivi legati alla diarrea associata a Clostridium difficile (7).

Una nuova meta-analisi, condotta dall’Università di Toronto, ha esaminato 16 studi separati per un totale di 3.403 pazienti sottoposti a trattamento antibiotico.

I risultati hanno mostrato che i pazienti che assumevano probiotici durante il trattamento antibiotico avevano un rischio significativamente ridotto di sviluppare diarrea associata agli antibiotici o infezione da C. difficile (8).

Posso assumere probiotici con gli antibiotici?

SÌ.

Ricerche cliniche approfondite suggeriscono che i migliori probiotici da assumere con gli antibiotici sono ceppi particolari che possono essere assunti insieme agli antibiotici, piuttosto che separatamente.

Questi ceppi particolari sono Lactobacillus acidophilus Rosell-52, Lactobacillus rhamnosus Rosell-11 e Bifidobacterium lactis Lafti B94.

Questi ceppi possono essere assunti esattamente contemporaneamente ai farmaci antibiotici, cosa che non accade nella maggior parte degli altri integratori probiotici (9).

Non è necessariamente negativo o controproducente assumere altri ceppi probiotici insieme ai farmaci antibiotici, significa semplicemente che il probiotico potrebbe non essere vitale, ma stai tranquillo, il farmaco antibiotico stesso non ne risentirebbe.

È sempre bene assumere ceppi di probiotici studiati per aiutare con il problema di salute o la situazione che stai cercando di supportare poiché non tutti i probiotici sono uguali.

Diciamo che è una buona idea assumere probiotici durante e dopo i cicli di antibiotici.

Gli antibiotici uccidono i probiotici?

Sfortunatamente, è stato dimostrato che solo pochi ceppi di probiotici sopravvivono se assunti direttamente insieme agli antibiotici.

Poiché tutti i farmaci antibiotici avranno un qualche tipo di impatto negativo sul microbioma intestinale, è davvero importante scegliere i ceppi giusti di probiotici quando si assume questo tipo di farmaci. Questo se vuoi che i ceppi studiati, non solo sopravvivano se assunti direttamente insieme agli antibiotici, ma dimostrino anche di esercitare dei benefici.

La vasta ricerca alla base dei tre ceppi di Lactobacillus precedentemente menzionati li distingue da molti integratori probiotici presenti oggi sul mercato e li rende una scelta adatta per chiunque desideri assumere batteri naturali durante il ciclo di antibiotici.

Inoltre, il Lactobacillus acidophilus Rosell-52, il Lactobacillus rhamnosus Rosell-11 e il Bifidobacterium lactis Lafti B94 sono stati testati e hanno dimostrato in vitro di sopravvivere all’acidità dello stomaco e ai sali biliari.

Quando dovrei assumere i probiotici durante l’assunzione di antibiotici?

Generalmente, salvo poche eccezioni, è meglio assumere i nostri integratori probiotici al mattino durante la colazione.

Se stai assumendo un probiotico contenente i ceppi Lactobacillus acidophilus Rosell-52, Lactobacillus rhamnosus Rosell-11 e Bifidobacterium lactis Lafti B94, potrai comunque seguire questa raccomandazione insieme agli antibiotici e assumerli entrambi durante il tuo pranzo.

Come regola generale, molte aziende tendono a raccomandare di attendere 1 o 2 ore dopo l’assunzione degli antibiotici prima di assumere i probiotici. Dopo questo periodo di tempo, livelli sufficienti di batteri benefici sono in grado di raggiungere vivi l’intestino.

Quindi, se il tuo medico ha consigliato di assumere gli antibiotici a colazione, in questo caso dovresti prendere prima il farmaco e lasciare un intervallo di 2 ore prima di assumere gli altri probiotici.

È bene assumere i nostri integratori durante il pasto, quindi in questo caso durante il pranzo o uno spuntino di metà mattinata.

Idealmente, qualsiasi ceppo probiotico alternativo assunto dovrebbe avere anche ricerche che ne dimostrino l’efficacia durante la terapia antibiotica.

In genere si consiglia di assumere probiotici ogni giorno durante il ciclo di antibiotici; in questo modo puoi ricostituire i tuoi batteri amici ogni giorno prima che il tuo sistema digestivo venga sconvolto da uno squilibrio microbico di lunga data.

Conclusioni

La ricerca suggerisce che è una buona idea assumere probiotici durante e dopo i cicli di antibiotici.

I probiotici sono microrganismi vivi che migliorano la salute dell’intestino.

È sempre bene assumere ceppi di probiotici studiati per aiutare con il problema di salute o la situazione che stai cercando di supportare poiché non tutti i probiotici sono uguali.

I probiotici possono causare problemi gastrointestinali, come gonfiore, nausea e diarrea. Per la maggior parte delle persone, questi effetti collaterali sono lievi e non durano molto a lungo.

Sebbene i probiotici siano generalmente considerati sicuri per la maggior parte delle persone, coloro che hanno un sistema immunitario indebolito o che hanno subito di recente un intervento chirurgico dovrebbero prestare attenzione quando pensano di assumere un probiotico.

Ricorda: parla sempre con il tuo medico e chiedi se un integratore probiotico è la scelta giusta per te.

(Potrebbe interessarti: Dimagrire la pancia, i probiotici possono aiutarti)

(Potrebbe interessarti il video “Intestino l’alleato per dimagrire“)

Fonti bibliografiche

www.optibacprobiotics.com/learning-lab/in-depth/general-health/probiotics-with-antibiotics
www. singlecare.com/blog/taking-probiotics-with-antibiotics/

(1) www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6000740/
(2) www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6469458/
(3) www.hsph.harvard.edu/nutritionsource/microbiome/
(4) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9892789/
(5) www.nhs.uk/conditions/probiotics/#diarrhoea
(6) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9892789/
(7) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23728658/
(8) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22531096/
(9) www.optibacprobiotics.com/professionals/latest-research/general-health/trial-lactobacillus-acidophilus-supplement

Fonte immagini

Probiotici e intestino (immagine in evidenza) – Immagine di  macrovector – Freepik
Batteri – Immagine di macrovector – Freepik
Medicina con bicchiere d’acqua – Foto di jcomp – Freepik