intolleranza-al-lattosio-nutrizionista-enrico-veronese

Il lattosio è un tipo di zucchero presente nei prodotti lattiero-caseari. Alcune persone non sono in grado di digerirlo correttamente, portando a spiacevoli sintomi digestivi dopo l’assunzione di latticini.

In questo articolo esaminimo cos’è l’intolleranza al lattosio, come viene diagnosticata e trattata.

Cos’è l’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio è un disturbo digestivo causato dall’incapacità di digerire il lattosio, il principale carboidrato dei latticini. È molto comune e colpisce almeno i 2/3 della popolazione adulta mondiale (1).

Questa condizione si verifica se il tuo corpo non produce abbastanza dell’enzima lattasi, di cui hai bisogno per digerire il lattosio.

Le persone con intolleranza al lattosio sperimentano problemi digestivi quando consumano latticini, che possono influire negativamente sulla loro qualità di vita.

Questi sintomi includono gonfiore, diarrea e crampi addominali.

intolleranza-al-lattosio-nutrizionista-veronese

Si può sviluppare l’intolleranza al lattosio nel tempo?

Il lattosio si trova nel latte materno e quasi tutti nascono con la capacità di digerirlo. Tuttavia, è possibile sviluppare l’intolleranza al lattosio a qualsiasi età, anche fino all’età adulta (1).

Esistono diversi tipi di intolleranza al lattosio e possono essere causati da diversi fattori. Tuttavia, tutte le intolleranze al lattosio sono caratterizzate da una carenza dell’enzima lattasi.

(Potrebbe interessarti: Scopri le intolleranze alimentari più comuni).

Cosa causa l’intolleranza al lattosio?

L’intolleranza al lattosio è causata da una carenza di lattasi nel corpo, un enzima prodotto dall’intestino tenue necessario per digerire il lattosio.

Alcune malattie dell’apparato digerente (come il morbo di Crohn, la colite ulcerosa e la celiachia), le infezioni dello stomaco o dell’intestino e le lesioni dell’intestino tenue (come interventi chirurgici, traumi, chemioterapia o radioterapia) possono ridurre la quantità di lattasi disponibile per l’elaborazione correttamente il lattosio.

Se l’intestino tenue è danneggiato, l’intolleranza al lattosio può essere temporanea, con sintomi che migliorano dopo che l’intestino è guarito.

Esistono diversi tipi di intolleranza al lattosio.

Intolleranza primaria al lattosio

È la forma più comune.

I nostri corpi in genere smettono di produrre lattasi intorno ai 5 anni (già all’età di 2 anni per gli afroamericani).

Quando i livelli di lattasi diminuiscono, i latticini diventano più difficili da digerire.

Le persone con intolleranza primaria al lattosio producono molta meno lattasi. Ciò rende i latticini difficili da digerire nell’età adulta.

È causata da geni ed è comune tra le persone di origine africana, asiatica, ispanica, mediterranea e dell’Europa meridionale. È meno comune se la tua eredità proviene dall’Europa settentrionale o occidentale.

Intolleranza al lattosio secondaria

L’intolleranza al lattosio secondaria si sviluppa a seguito di un’altra condizione che colpisce l’intestino tenue, dove viene prodotta la lattasi. Questo perché l’infiammazione nella parete dell’intestino può portare a un temporaneo calo della produzione di lattasi (1) (3).

Possibili cause di intolleranza al lattosio secondaria includono il morbo di Crohn, la celiachia, la chemioterapia, la colite ulcerosa e l’invecchiamento (1).

Intolleranza al lattosio durante lo sviluppo

Si verifica nei bambini nati prematuramente. Di solito va via da sola, durando solo per un breve periodo dopo la nascita (4).

Intolleranza al lattosio congenita

È molto rara e si verifica quando l’intestino tenue non produce lattasi (o una quantità molto piccola) dalla nascita. È una malattia genetica ed entrambi i genitori devono trasmettere il gene al figlio.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio?

I sintomi dell’intolleranza al lattosio includono:

  • nausea
  • crampi addominali
  • gas
  • gonfiore addominale
  • diarrea

e si presentano da 30 minuti a 2 ore dopo aver consumato latte o latticini.

La diarrea si verifica a causa del lattosio non digerito nell’intestino tenue, che fa sì che l’acqua si sposti nel tratto digestivo (2).

Una volta raggiunto il colon, il lattosio viene fermentato dai batteri nell’intestino, formando acidi grassi a catena corta (SCFA) e gas. Ciò provoca gonfiore, gas e dolore (2).

intolleranza-al-lattosio-mal-di-pancia

I sintomi si verificano perché non c’è abbastanza lattasi prodotta dal corpo per digerire il lattosio consumato.

La gravità dei sintomi varia a seconda della quantità di lattosio che una singola persona può tollerare.

Alcune persone possono essere sensibili a quantità estremamente ridotte di alimenti contenenti lattosio, mentre altre possono mangiare quantità maggiori prima di notare i sintomi.

L’intolleranza al lattosio si può prevenire?

Non può essere prevenuta e non esiste una cura per questa intolleranza.

È facilmente trattabile limitamdo la quantità di cibi e bevande che contengono lattosio. Si possono anche assumere integratori di enzimi lattasi per aiutare il corpo a digerire il lattosio.

Se si limitano il ​​latte e altri latticini, si potrebbe rischiare di non assumere abbastanza calcio e vitamina D.

Potrebbe essere utile confrontarsi con il proprio medico o nutrizionista sull’assunzione di integratori di calcio e vitamina D o del consumo di cibi ricchi di calcio, come verdure a foglia verde, broccoli, soia e alcuni frutti di mare come il salmone.

Test per l’intolleranza al lattosio

Se il tuo medico di famiglia o nutrizionista pensa che tu abbia un’intolleranza al lattosio, potrebbe chiedere di:

  • seguire una dieta per l’eliminazione del lattosio, in cui si smetterà di mangiare, per almeno 2 settimane, cibi contenenti lattosio per vedere se i sintomi migliorano.
  • eseguire esami del sangue
  • fare un test del respiro all’idrogeno – dove viene misurato il gas idrogeno nel tuo respiro per scoprire quanto bene digerisci il lattosio.

(Potrebbe interessarti: Sai cos’è una dieta di eliminazione o di esclusione?)

Quali alimenti contengono lattosio?

Il lattosio si trova negli alimenti contenenti latte animale (latticini), include il latte di mucche, capre e pecore.

I latticini includono:

  • latte
  • burro
  • formaggio
  • crema
  • yogurt
  • gelato

Molti alimenti trasformati possono anche contenere lattosio, tra cui:

  • cereali
  • cibi da forno come pane, cracker, torte, biscotti e pasticcini
  • cioccolato e dolcetti confezionati come dolci bolliti e caramelle
  • patatine fritte
  • salse e condimenti per insalata
  • frullati dietetici e proteici

Come ottenere i nutrienti dei latticini senza consumare latticini?

I latticini, che comprendono il latte e tutti i prodotti a base di latte, sono altamente nutrienti.

In effetti, l’assunzione di latticini è collegata a una maggiore densità minerale ossea, che può aiutare a ridurre il rischio di fratture ossee con l’età (5) (6).

Tuttavia, le persone con intolleranza al lattosio potrebbero dover ridurre o eliminare l’assunzione di latticini, privandole potenzialmente di nutrienti chiave come il calcio.

I latticini sono ottime fonti di calcio, ma mangiare latticini non è fondamentale per la salute. Puoi seguire una dieta molto sana senza latticini, purché mangi altri cibi ricchi di calcio.

Alcune buone fonti non casearie di calcio includono:

Alimenti fortificati con calcio. Gli alimenti fortificati con calcio includono succhi, pane e latte non caseario come latte di mandorle, soia e avena. Solo 1 tazza (240 ml) di succo d’arancia fortificato con calcio fornisce il 27% del valore giornaliero (DV) per questo minerale (7).

Pesce disossato. I pesci in scatola con lische, come sardine, salmone o bianchetti, sono ricchi di calcio. Solo 3 once (85 grammi) di salmone in scatola con le ossa forniscono il 14% del DV (7).

Alimenti vegetali ad alto contenuto di calcio. Molti alimenti vegetali, come cavoli e broccoli, contengono quantità ragionevoli di calcio. Solo 1/2 tazza (113 grammi) di spinaci bolliti fornisce il 9% del DV per il calcio (7).

Bisogna tener presente che il calcio dei cibi vegetali è spesso scarsamente assorbito a causa della presenza di antinutrienti come il fitato e l’ossalato (7).

Alcuni sostituti del latte

  • Latte di soia. È ricco di proteine, potassio e antiossidanti
  • Bevande di riso
  • Latte senza lattesio. È ricco di calcio e proteine ​​​​e contiene molte altre vitamine, come A, B e K, zinco, potassio e magnesio
  • Latte di mandorla
  • Latte di cocco.

intolleranza-lattosio-latte-mandorla

Quali sono le opzioni di trattamento per l’intolleranza al lattosio?

Se non vuoi rinunciare ai latticini, alcuni trattamenti naturali possono alleviare l’intolleranza al lattosio.

Integratori enzimatici

Gli integratori enzimatici possono aiutare il tuo corpo a digerire il lattosio. l’efficacia di questi prodotti può variare ampiamente. Pertanto, sarebbe meglio consultare un medico prima di provare questi integratori.

Esposizione al lattosio

Se sei intollerante al lattosio, il consumo regolare di lattosio può aiutare il tuo corpo ad adattarsi ad esso (8). Finora gli studi su questa strategia sono limitati, ma i primi risultati mostrano segnali positivi.

Probiotici e prebiotici

I probiotici sono microrganismi che forniscono benefici per la salute, mentre i prebiotici sono tipi di fibre che fungono da cibo per questi microrganismi, alimentando i batteri benefici nell’intestino.

Sebbene l’attuale corpo di ricerca sia inconcludente, i probiotici hanno mostrato risultati positivi nel trattamento dell’intolleranza al lattosio. Ceppi particolari, come il ceppo DDS-1 di Lactobacillus acidophilus, possono aiutare a migliorare i sintomi (9)(10).

(Potrebbe interessarti: Allergia alimentare vs. intolleranza alimentare: qual è la differenza?).

Conclusioni

Le intolleranze alimentari sorgono quando il corpo non riesce a digerire correttamente determinati alimenti. L’intolleranza al lattosio è una delle intolleranze più comune.

Molte persone sono intolleranti al lattosio e ci sono molti modi per regolare facilmente la dieta per evitare o limitare il lattosio. Queste strategie includono l’acquisto di alimenti senza lattosio.

Se sei preoccupato/a di non poter tollerare i latticini, ci sono numerosi cibi e bevande che puoi consumare in alternativa, insieme a una serie di opzioni terapeutiche per aiutare a prevenire o alleviare i sintomi.

(Potrebbe interessarti: Infiammazione del colon: cosa mangiare per ridurre i sintomi?).

Fonti bibliografiche

www.webmd.com/digestive-disorders/causes-lactose-intolerance
www.healthline.com/nutrition/lactose-intolerance-101
www.medicalnewstoday.com/articles/263965#summary
www.nhs.uk/conditions/lactose-intolerance/
my.clevelandclinic.org/health/diseases/7317-lactose-intolerance

(1) www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4586575/
(2) www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6316316/
(3) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25072743/
(4) www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5726035/
(5) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26420598/
(6) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24760749/
(7) ods.od.nih.gov/factsheets/Calcium-HealthProfessional/
(8) pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25855879/
(9) www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/10408398.2018.1425977?scroll=top&needAccess=true
(10) www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK532285/

Scopri di più sull’intolleranza al lattosio e sul controllo delle etichette degli alimenti sul sito web del Ministero della Salute.